richiesta non vincolante
*Miglior prezzo garantito
*annulablile
de | en | it

Lo chef de cuisine Peter Girtler

Cucina gourmet a base di creatività e regionalità

peter-profilIn realtà Peter Girtler, nato nel 1972 a Vipiteno, è un altoatesino semplice e comune. Sposato, due figli, divertente e ottimo sciatore. Tuttavia spicca in lui un che di eccezionale: il suo gusto. E le sue capacità quando si tratta di metterlo in pratica nelle prelibatezze culinarie.

Di grande aiuto gli sono le esperienze culinarie di cui Peter Girtler ha fatto tesoro in vari ristoranti rinomati. Ad esempio al Vital Hotel Royal e all’Alpenkönig Hotel di Seefeld, all’Hotel Castel a Tirolo, al Parkhotel Laurin di Bolzano o presso il maestro gourmet della Residenza Heinz Winkler ad Aschau.

Il suo talento emerge già all’esame finale di apprendistato. Subito dopo, nel 2004, la guida “Besser Essen und Reisen” lo nomina promosso dell’anno, nel 2006 formatore dell’anno in Alto Adige.

Un piacere pluripremiato
La straordinarietà eccezionale del suo gusto è comprovata dalle stelle e dai cappelli da cuoco ottenuti fino ad ora. Nel 2016, ad esempio, la guida Michelin gli ha assegnato una seconda stella, la Große Restaurant- und Hotelguide 4 cappelli e l’Aral Schlemmeratlas 4 posate. Gault & Millau gli ha assegnato 3 cappelli con 17 punti per la Gourmetstube Einhorn e 2 cappelli con 15 punti per la Gasthofstube, per un totale di 5 cappelli da cuoco per 2 ristoranti.

Alla domanda quale sia il miglior riconoscimento nei suoi confronti, Peter Girtler risponde in modo semplice e concreto: “Gli occhi soddisfatti dei miei ospiti.

Riconoscimenti attuali

  • 2 stelle della “Guida Michelin”
  • 5 cappelli da cuoco di “Gault & Millau”
  • 4 posate dell’“Aral Schlemmeratlas”
  • Esercizio promosso dell’anno 2004 in “Besser Essen und Reisen”
  • Formatore dell’anno 2006 in Alto Adige

 

"Fra i cuochi creativi, Girtler è il rappresentante più capace di una cucina olistica",
scrive il Gault Millau 2009.


Intervista a Peter Girtler